Sicuro.

Sicuro.

Non vuoi lasciare il tuo partner sospeso per giorni, ma non devi nemmeno affrettare il tuo processo. Sii coraggioso, dì la tua verità. smettila di camminare sui gusci d’uovo # 6: accettiamo di fidarci della loro risposta. Accettiamo di fidarci (e rispettare) la risposta reciproca, e lasciamo andare la seconda ipotesi. Se dicono che non riguarda noi, gli crediamo. Se dicono che stanno benissimo, non continuiamo a chiedere. Questo richiede un atto di fede, soprattutto all’inizio. L’onestà e la trasparenza radicali non sono il modo in cui la maggior parte delle coppie fa rapporto. Le persone spesso dicono che va tutto bene quando in realtà stanno succedendo delle cose serie. Ricorda che hai accettato di essere onesto, anche quando è difficile. Nel caso in cui il tuo partner trovi difficile essere trasparente (perché sì, è spaventoso), non è tua responsabilità suscitare la verità. Qualunque sia la loro risposta, va bene smettere di camminare sui gusci d’uovo. Ti sei assunto la tua parte di responsabilità effettuando il check-in.

Quello che hanno scelto di fare con questo dipende da loro. (Questo è anche noto come avere confini sani.) Praticato nel tempo, diventerà una seconda natura. Più condividi in modo sincero, più crei fiducia. Pertanto, maggiore è la fiducia che crei, più sicuro diventa generalmente condividere apertamente. smettila di camminare sui gusci d’uovo # 7: accettiamo di COLLABORARE Se facciamo una domanda e non c’è niente di “sbagliato”, questa parte è facile. Smettiamo di camminare sui gusci d’uovo e continuiamo la nostra serata. Con la certezza che è tutto a posto. Giorni felici. Se c’è qualcosa che non va ma non ha niente a che fare con noi, collaboriamo. Una persona offre supporto: “Sembra che faccia schifo. C’è qualcosa che potrei fare? ” Quindi l’altra persona chiede ciò di cui ha bisogno, qualunque cosa assomigli: a volte vogliamo sfogarci. A volte abbiamo bisogno di tempo da soli per decomprimerci. O forse vogliamo solo andare avanti e dimenticarci di tutto. In ogni caso, non ci sono supposizioni o tentativi falliti di lettura della mente. Accettiamo semplicemente di dare indicazioni chiare e di rispettare le reciproche esigenze.

Vittoria in collaborazione. Ma cosa succede se il tuo umore riguarda il tuo partner? Che stavate entrambi cercando di evitare sin dall’inizio? Navigare in questo territorio richiede una propria strategia e accordi, che è più di quanto un singolo blog possa coprire. Perché il conflitto nelle relazioni non è semplice. (Se questa è la parte che trovi difficile, continua a leggere. Ci sono alcuni importanti passaggi successivi per te.) In definitiva, la strategia è la stessa: assumiti la responsabilità dei tuoi sentimenti, possiedi ciò di cui hai bisogno e comunica chiaramente. La collaborazione è possibile, anche in tempi di conflitto.sitio original Basta camminare sui gusci d’uovo Le coppie camminano sui gusci d’uovo quando hanno paura di affrontare l’elefante nella stanza. E sebbene possa sembrare una buona strategia, finisce per creare più problemi di quanti ne risolva. Ti stressa. Mette a dura prova la tua relazione. E fin troppo spesso, crea dramma quando non ci sono problemi reali per cominciare. Il potere di questi accordi è che filtrano i conflitti non necessari da quelli necessari: prevengono ripensamenti, interpretazioni errate e incomprensioni. Rimuovono la tensione, liberano l’aria e ti impediscono di “gestirti” a vicenda. E possono innescare conversazioni profonde e importanti.

Le conversazioni che fanno progredire la tua relazione, ti fanno crescere come individui e approfondiscono la tua connessione. Perdi queste opportunità quando non hai una strategia affidabile. Certo, questi accordi sono solo un piccolo pezzo del puzzle. In un certo senso sono solo il primo passo prima che inizi il vero lavoro. Perché hai ancora bisogno di sapere come avere quelle conversazioni difficili. In un modo che vi fa sentire entrambi ascoltati e compresi. Devi sapere come gestire le tue ansie riguardo al turbare il tuo partner o fare qualcosa di “sbagliato”. Devi anche sapere come assumerti la responsabilità dell’impatto che hai l’uno sull’altro e come riparare qualsiasi danno che è stato fatto. Ma c’è speranza. Perché sono tutte abilità apprendibili ed è ciò che insegniamo alle coppie nel nostro programma Rockstar Relationship (ne parleremo più avanti). Questi accordi sono un passo essenziale nella giusta direzione. Un passo verso l’altro, al posto dell’allontanamento. Se camminare sui gusci d’uovo causa ansia e stress nella tua relazione, parlane con il tuo partner.

Decidi una strategia su come gestire quei momenti di tensione. E sii brutalmente onesto sul fatto che sia ora di migliorare le tue capacità di gestione dei conflitti. Perché avere una strategia efficace non si limita a eliminare il dramma, ma approfondisce la connessione e crea più intimità tra di voi. E vale la pena rompere qualche guscio d’uovo. Se sei pronto ad abbandonare il dramma e creare una relazione che spacca … Non importa da quanto tempo state insieme, siamo qui per aiutarti. Rockstar Relationship è il nostro programma personalizzato di 6 mesi in cui aiutiamo le coppie ad affrontare le cose difficili e tornare a una relazione che sembra di nuovo divertente e facile. Più profondità, più passione, più connessione. Se tu e il tuo partner volete scoprire come Rockstar Relationship potrebbe funzionare per voi, fate clic su questo collegamento per prenotare in tempo per una chat gratuita. Ehi, siamo Jodie Reece. Aiutiamo le coppie impegnate a sentirsi più connesse in camera da letto e a creare una relazione a tutto tondo. Fai clic qui per prenotare una videochiamata online complementare per saperne di più sui nostri programmi e su come possiamo aiutarti a creare una relazione che spacca.

Aaaah, raggiungere l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata – il massimo degli atti di bilanciamento. Al centro di molti buoni propositi per l’anno nuovo, discorsi seri sulle relazioni o sveglia personale. Ma quanto spesso si attacca? Quante volte ti senti come se avessi effettivamente raggiunto questo più mistico degli atti? Non siamo estranei alla lotta. Nonostante tutta la libertà del nostro #laptoplifestyle (sì, stiamo usando l’hashtag ironicamente), siamo alle prese con l’atto di bilanciamento tanto quanto la persona successiva. Tutte le lezioni che abbiamo imparato nel modo più duro: sbagliare completamente. Quando abbiamo avviato la nostra attività nel 2014, il lavoro era tutto. Tiravamo regolarmente tutte le notti, lavoravamo durante il fine settimana e smettevamo di fare le vacanze. Eravamo appassionati di far decollare la nostra attività ed eravamo pronti a fare tutto il necessario. Ma abbiamo perso di vista il quadro più ampio: vivere le nostre vite.

Entro la fine del 2017 eravamo esausti, demotivati ​​e sul punto di fare i bagagli. Ha fatto schifo. Siamo giunti a un bivio: lasciamo che le cose continuino come erano e corriamo nel terreno. Oppure prendi una posizione e inizia a vivere di più la nostra vita. We Chose Life Fast forward to now, and life is pretty rockin ‘. Dopo 5 anni di fidanzamento, ci siamo finalmente sposati. Abbiamo preso la nostra vacanza più lunga dall’inizio dell’attività. Rilassarsi sulla spiaggia con amici e familiari in Thailandia prima di dirigersi a Maui per la nostra luna di miele.

Ci siamo trasferiti in Messico e ora trascorriamo i nostri giorni liberi (perché in realtà li prendiamo) esplorando riserve naturali, antiche rovine e taquerias locali. Niente di tutto questo è successo per caso. La buona notizia è che raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata è ovviamente piuttosto semplice. Una volta che sai su cosa concentrarti. Ma richiede che tu vada oltre il fare affermazioni vaghe e radicali come “Dobbiamo raggiungere un migliore equilibrio tra vita lavorativa e vita privata” (perché sì, come va?). Devi prendere degli impegni reali e metterli in pratica.

Quindi, per aiutarti, ecco sei modifiche pronte per l’uso su cui concentrarti. Sei suggerimenti che, se implementati, ti aiuteranno a raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata. Direttamente dalla nostra vita alla tua. raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata # 1: smettere di camminare sul filo del rasoio OK. Prima di andare oltre, chiariamo una cosa: l’idea di raggiungere l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata spesso evoca l’idea di una macchina ben oliata che lavora in perfetta armonia. Sfortunatamente, la vita non è così semplice. Nel mondo reale, l ‘”equilibrio” sembra spesso oscillare selvaggiamente da una parte all’altra. O per lo meno, ondeggiando dolcemente avanti e indietro. Perché la verità è questa: l’equilibrio tra lavoro e vita familiare “perfetto” in realtà non esiste. E non è uno stato di equilibrio. Quindi scartiamo l’idea che l’equilibrio sia “statico”. Rilasciamo l’obiettivo di far funzionare tutto “esattamente nel modo giusto”. Perché questo è perfezionismo ed è impossibile da ottenere. Per dirla in un altro modo: non usare l ‘”equilibrio” come un metro con cui picchiarti.

Ci saranno momenti in cui ti muovi a faccia in giù – e va bene. Assicurati solo che sia l’eccezione, non la regola. E che è seguito da una sana dose di relax. Quando sei in quei tempi di frenesia, abbraccia “Sustainable Madness”. Questo è spesso un concetto che abbiamo imparato dalla nostra fata madrina nella vita reale: Nicole Cody. Fondamentalmente, se sai che le cose stanno per impazzire: è il momento del lancio del prodotto, le tasse sono dovute o la scadenza è in arrivo, allora pensa ai modi in cui puoi mitigare il danno: cucinare alla rinfusa alcuni pasti nutrienti in modo da non mangiare pizza, o affamato, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. (Oppure prendi quelle cose pronte per la consegna in modo da avere almeno la preparazione ordinata). Prenota un massaggio e risolverlo non negoziabile. Trova il tempo per una passeggiata di 15 minuti ogni mattina in modo da continuare a fare esercizio e ricevere un po ‘di raggi. Ci saranno momenti in cui raggiungere l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata ti sembrerà eccessivo. Ma con un po ‘di creatività, puoi uscire dall’altra parte sentendoti come se l’avessi schiacciata. Invece di schiacciarti. ➜ CORRELATO: 7 pratiche relazionali sane che le coppie felici fanno ogni giorno raggiungono l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata # 2: Piano Risparmia per le cose grandi e importanti Le cose da fare.

Il “un giorno è”. La roba della lista dei desideri. Le esperienze che hai sempre sognato di fare, ma continua a rimandare. Sai, le cose che ti porteranno vero significato e gioia. Possono essere qualsiasi cosa, dal paracadutismo all’apprendimento di una nuova lingua. Per molte persone è viaggio. Qualunque cosa sia, sono le cose che ti pentirai di non aver fatto quando sarai sdraiato sul letto di morte. Quando diciamo “questa merda è importante”, è quasi impossibile esagerare. Quindi scegli quattro cose che sei pronto a realizzare.

Tipo, decidi, adesso. Grande. Quindi, crea una sequenza temporale realistica e inizia la pianificazione. Ricerca tutti i passaggi necessari per realizzare la tua grande cosa. Quindi inizia a scheggiarli. Metti insieme un budget, crea un piano di risparmio e rispettalo. Se finalmente sposarci e trasferirci all’estero ci ha insegnato qualcosa su come raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata, è questo: fai un piano. Elabora il piano. Regola man mano che sorgono ostacoli, ma assicurati di tenerlo. Andando. Semplice. raggiungere l’equilibrio tra vita lavorativa e vita privata # 3: Mangia la rana Nei giorni in cui ti svegli e fai la merda, ti senti un capo totale. Nei giorni in cui ti svegli, controlli la tua posta elettronica, fluttui e scorri sui social media, ti senti un perdente. E quando ti senti un perdente, è allora che le cose vanno fuori controllo: nel tentativo di sentirti più produttivo, cerchi un “lavoro impegnato”.

E quel “lavoro impegnativo” non si conclude mai. La tua giornata viene dirottata dall’agenda di altre persone, invece di ciò che è veramente importante per te. Sei bloccato su quel tapis roulant da lavoro. Non andare da nessuna parte velocemente e ti stancherai completamente nel processo. Quindi, come dice il proverbio: “Se il tuo lavoro è mangiare una rana, è meglio farlo per prima cosa al mattino”. In altre parole, se hai qualcosa di importante (e molto probabilmente stimolante) da fare, non rimandare. Toglilo di mezzo per prima cosa e vinci. Non farti prendere dal lavoro frenetico. Non lasciare che tutti gli altri decidano il tuo programma. Le e-mail e le telefonate possono aspettare. Almeno per un po ‘.

Trascorri la prima ora della giornata lavorando su “la cosa” che farà la differenza. Ci saranno sempre più attività. La lista delle cose da fare non si conclude mai. Per produrre un equilibrio tra lavoro e vita privata, stabilire le priorità e fare ciò che conta veramente, e farlo per primo. In questo modo, quando finisce il tempo di lavoro, puoi impacchettare le tue cose e andartene. Il resto può aspettare. Vivere te stesso non dovrebbe. ➜ CORRELATO: 11 hack di produttività che miglioreranno anche la tua vita sessuale raggiungi l’equilibrio tra vita lavorativa e vita professionale # 4: Tempo libero non negoziabile Parlando di vivere la tua vita … Proteggiti dai tuoi giorni liberi. Come una leonessa che difende il suo cucciolo un po ‘protettivo. Molte persone sostengono che il lavoro non dovrebbe sembrare un lavoro.

Che dovresti trovare qualcosa che ami così tanto da desiderare di farlo nel tuo tempo libero. Che dovresti vivere il tuo scopo, e non solo vivere per i tuoi fine settimana. Sicuro. Siamo tutti per questo. Se hai trovato un modo per combinare la tua passione con il lavoro, scatenati. E, se lo fai tutto il tempo, brucerai il cazzo. Anche se AMI completamente quello che fai, devi comunque spegnerti. Parliamo per esperienza qui. Lo scopo e la guida sono fantastici. Ma c’è di più nella vita oltre al lavoro. È necessario un tempo di accensione chiaro e un tempo di spegnimento chiaro. Sii produttivo e concentrato quando è il momento di lavorare. Spegni quando non lo è.

 Sfuma quei confini e TUTTO inizia a sembrare un lavoro. Due cose che facciamo che aiutano: meditazione e orari di lavoro chiaramente definiti. Il primo parla da solo. Medita e medita spesso. Anche in questo caso sono solo 5 minuti al giorno. Il prossimo riguarda il pensiero in avanti. È così semplice, ma ha cambiato il gioco per noi. Decidi in anticipo a che ora finirai il lavoro. Decidi quando ti prendi i giorni di ferie. Decidi quando farai le vacanze. E poi? Fermare.

Lavorando. Metti dei promemoria nel tuo calendario, se necessario. Assicurati solo di farlo. Il che ci porta a uno associato al modo più semplice per raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata…. raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata n. 5: tempo libero dalla tecnologia Non ha senso avere del tempo libero dal lavoro se non si sente di qualità o di rifornimento. Uno dei modi migliori per “spegnere” veramente è spegnere effettivamente. Sì. Non c’è niente di innovativo qui gente. Eppure quanto spesso lo fai? Non stiamo parlando di email. Nessun social media. Nessun tempo sullo schermo. Metti tutta quella merda in modalità aereo. O fuori del tutto.

quindi la cosa migliore da fare con tutto quel tempo senza tecnologia? Esci nella natura. Fare una passeggiata. Fai sport. Leggere un libro (eccezione tecnologica Kindle consentita). Anche solo stare in giro ad annoiarsi fa bene. Allora qual è la dose senza tecnologia consigliata? Inizia con un’ora al giorno e ancorala a qualcosa che è già nella tua routine per farlo aderire. Per ottenere un equilibrio tra lavoro e vita privata, ci piace rendere la prima ora della nostra giornata priva di tecnologia. Ciò significa che le nostre mattine vengono trascorse alle nostre condizioni e non a quelle di qualcun altro. Anche il tempo senza tecnologia dopo cena funziona bene.

O l’ultima ora prima di andare a letto mentre ti rilassi per la giornata. I fine settimana senza tecnologia almeno una volta al trimestre funzionano anche come un meraviglioso “pulsante di ripristino”. raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata # 6: connessione faccia a faccia Il vero obiettivo qui non è solo bilanciare le ore nelle colonne lavoro / vita. Si tratta di aumentare la gioia e l’appagamento nella tua vita. E una delle attività che più arricchiscono l’anima e la qualità della vita è semplicemente stare con le persone che ami. Dedicare tempo alle tue relazioni è essenzialmente il modo migliore per raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita familiare. Che si tratti della tua migliore amica, del tuo partner, dei tuoi figli, dei tuoi genitori, dei tuoi fratelli o della tua mente, il tempo trascorso con le persone a cui tieni (per davvero, non solo online) è ciò che conta. Perché ecco la scomoda verità: quando la tua vita è squilibrata, sono le tue relazioni a soffrire di più. Conclude amicizie. Fa a pezzi le famiglie. Rovina i matrimoni.

L’abbiamo visto più e più volte nella nostra pratica di coaching: al centro di tanta insoddisfazione relazionale c’è la sensazione straziante che non sei importante per la persona che ami. Non lasciare che il lavoro sia il motivo per cui ti allontani dalle persone che contano di più per te. Non lasciare che il tuo più grande rimpianto siano i momenti che ti sei perso perché eri troppo preso in ufficio. E non essere una di quelle persone che si lamenta per un altro anno che è passato mentre tu continui a fare i movimenti. Se vuoi raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata, tutto si riduce a questo: trovi il tempo per fare ciò che conta veramente? Se la risposta è no, è tempo di diventare sincero con te stesso. Dedicati a rendere la vita degna di essere vissuta e a fare le cose che contano di più per te. Perché la vita sta accadendo adesso e nessuno sa per certo se avrai un’altra possibilità. ➜ CORRELATO: La guida definitiva alla creazione di una relazione consapevole Ehi, siamo Jodie Reece. Aiutiamo le coppie impegnate a sentirsi più connesse in camera da letto e a creare una relazione a tutto tondo. Fai clic qui per prenotare una videochiamata online complementare per saperne di più sui nostri programmi e su come possiamo aiutarti a creare una relazione che spacca. Se hai mai pensato di essere ansioso o impacciato di ricevere sesso orale, va bene, non sei l’unico. Perché la verità è che a volte è imbarazzante. Nonostante ciò che la pubblicità di Hollywood e le riviste di gossip vorrebbero farti credere, avere il tuo partner che si abbatte su di te può essere davvero una sfida: puoi rimanere intrappolato nella tua testa e preoccuparti di quanto tempo stai impiegando. Sei distratto da #tutto ciò che accade nella tua vita e non puoi restare presente. Ti senti strano quando il tuo ragazzo ti mangia fuori ma non senti niente.

Ti chiedi perché l’orale non ti fa sentire così bene (e inizi a chiederti se forse c’è qualcosa che non va in te). Beh, non sei solo. Ricevere sesso orale può portare in superficie molte emozioni spiacevoli. Può scatenare insicurezze, intensa vulnerabilità e pressione per eseguire. Quindi, invece di rilassarti e divertirti, ti senti nervoso all’idea di ricevere sesso orale e finisci per evitarlo del tutto. Ma se desideri rilassarti e goderti il ​​sesso orale, abbiamo 9 modi comprovati per trasformare il nervosismo e l’ansia in piacere e divertimento. Suggerimenti provati e testati che funzionano davvero. Quindi, se ti stai chiedendo come rilassarti e goderti il ​​sesso orale, ecco come fare: come rilassarti goditi il ​​sesso orale # 1: fidati che il tuo partner si sta divertendo Una delle maggiori barriere al godimento del tuo partner che ti abbatte è preoccuparsi di ciò che pensa. Puoi innervosirti all’idea di fare sesso orale perché sei preso da pensieri come: “Ho un sapore OK?” “Pensano che abbia un odore?” “Ci sto mettendo troppo tempo?” “Si stanno divertendo?” Ma ecco il cosa – se il tuo partner ti sta prendendo in giro, è probabile che ami la tua vulva. (E anche la tua vagina) Certo, le tue parti V hanno un sapore unico – sono destinate a: l’odore e il gusto delle tue V possono essere un potente afrodisiaco. I ricercatori sospettano che le secrezioni vaginali contengano feromoni chimicamente progettati per mandare selvaggiamente il tuo partner. * E anche solo la vista della tua vulva eccitata può innescare una risposta di eccitazione anche nel tuo partner. storia di V vergogna, abbiamo difficoltà a credere che il nostro partner potrebbe davvero divertirsi a prenderci. Ma più puoi fidarti che si stanno divertendo, più ti divertirai anche tu. Ma non credermi sulla parola: parla con il tuo partner del sesso orale: chiedi loro cosa gli piace delle tue parti V e cosa gli piace del sesso orale con te. Quella conversazione potrebbe essere un po ‘imbarazzante all’inizio, ma è destinata ad aprire gli occhi. E quell’onestà e la vulnerabilità ti porteranno solo più vicini.

Come rilassarsi godere di ricevere sesso orale # 2: Dimentica l’orgasmo Concentrarsi sull’orgasmo mette molta pressione su di te per esibirti, il che non crea una buona testa. In molti casi, la pressione all’orgasmo ti impedisce di raggiungere l’orgasmo e ti rende solo più consapevole di ricevere sesso orale. Ecco una piccola bomba della verità per te: in media, una donna ha bisogno di almeno 20 minuti di stimolazione per raggiungere l’orgasmo. Questo varia notevolmente (non siamo robot), ma 20 minuti di solito sono molto più lunghi di quello per cui la maggior parte delle donne si concede spazio. Quindi, se ti preoccupi del motivo per cui non puoi uscire dal sesso orale, si spera che questo metta le cose in prospettiva. Può anche aiutare a concentrarsi sul piacere e sulla connessione al posto degli orgasmi. Certo, gli orgasmi sono fantastici, ma non devono essere l’obiettivo del sesso orale (o del sesso penetrativo se è per questo).

Che tu raggiunga o meno l’orgasmo è irrilevante: è il viaggio che conta. ➜ CORRELATO: Come godersi di più il sesso: 7 consigli essenziali per le donne (che funzionano davvero) Come rilassarsi godere di ricevere sesso orale # 3: abbracciare il regalo Ricevere il sesso orale è davvero vulnerabile, e non solo a causa delle pressioni e delle insicurezze già menzionate.